Figli diventano grandi

Figli diventano grandi

mamma-senza-figliQuante volte avete sentito lamentarsi su questa stessa pagina la mamma millepiedimillebraccia per la troppa fatica fisica, la troppa energia spesa per i figli, i troppi impegni, le troppe riunioni di classe, le troppe raccolte dei fondi per la scuola …. Ecco, con un calcolo spanno metrico diciamo migliaia di volte!

E cosa sta succedendo ora alla nostra mamma millepiedimillebraccia?

Inquadratura in lontananza; la telecamera si avvicina e la ritrae seduta vicino alla sua scrivania… sì seduta, non sta correndo, non sta facendo schemini su incastri possibili, non sta scrivendo una mail, rispondendo al cellulare, mentre corregge un compito girando l’arrosto; la nostra mamma millepiedimillebraccia sta sfogliando una rivista.

Cosa?? Sì, avete capito bene.

La telecamera si sofferma sul primo piano della nostra mamma millepiedimillebraccia: oibò che espressione pensierosa e malinconica. Cosa starà succedendo?
La telecamera ora si sofferma sullo sguardo della nostra mamma millepiedimillebraccia e passa ad un primo piano dei suoi occhi. Leggiamo ora i suoi pensieri:
“ allora la mia ‘grande’ ha appena terminato il suo esame di terza media … tutto bene… l’anno prossimo andrà al liceo, ha cominciato ad uscire da sola, certo, è più autonoma, ha meno bisogno di me, anzi, non ne ha bisogno affatto ….ora cerca sempre i suoi spazi, non vuole intromissioni… GIUSTO… anche io alla sua età ero così… sì certo, è GIUSTO…. Il mio ‘piccolino’ ha appena concluso il ciclo delle elementari, l’altro giorno c’è stata la festa …straziante… gli addii mi fanno da sempre questo effetto un po’ nostalgico e malinconico… Ecco ora anche lui a poco a poco si staccherà, comincerà a prendere le distanze, le uscite con gli amici …sì certo, è GIUSTO.
Eh che belli quei pomeriggi quando c’era da correre a destra, poi correre a sinistra…Mamma di qui, mamma di là …. Mai un momento per me. Ora la prossima settimana partiranno tutti e due e andranno al mare, senza di me e con i nonni. Certo è GIUSTO così. Via via, libertà! Tutte le sere potrò fare tardi, uscire con le amiche, pensare solo a me stessa, ….. certo…. È GIUSTO! Ma in fondo però io di solito alle dieci di sera ci ho già sonno, non mi è mai piaciuto fare tardi, poi …. Insomma diciamoci la verità: fare la mamma di bambini “piccoli” è stata un’occupazione totale, totalizzante, sfinente, ma UNICA, bellissima, coinvolgente! Ora mi dispiace un po’ che tutto stia finendo: sì certo rimarrò la loro mamma per sempre, ci mancherebbe, però non sarà più come quando erano piccoli e bisognosi di mille attenzioni…”

figli-grandi

Ecco che ora l’inquadratura si allarga. Di colpo compaiono nella scena i figli della nostra mamma millepiedimillebraccia che arrivano litigando e urlando senza possibilità di risoluzione.

La mamma millepiedimillebraccia si avvicina e cerca di sedare la litigata, poi ascolta le ragioni dell’uno e dell’altro e alla fine li abbraccia guardandoli con sguardo benevolo e accogliente.
“Ragazzi, forza basta, non litigate, ormai siete grandi!”
E proprio davanti alla parola “GRANDI” avviene per magia un inatteso e insperato finale: la ‘grande’ guarda la mamma e dice “come siamo GRANDI mamma? Io non sono proprio completamente grande, io ho diritto di fare ancora queste scene perché se poi sono davvero grande io poi lo so che devo essere ragionevole come voi e NON VOGLIO!”; il ‘piccolo’ guarda la mamma millepiedimillebraccia con espressione attonita : “Oh guarda che io ho ancora 10 anni eh? Cosa crede quella? Sono io che sono il PICCOLO qui dentro…”

La mamma millepiedimillebraccia allora scoppia in una sonora risata. “ma sì che siete ancora i miei “PICCOLINI”… dai usciamo a mangiarci un gelato!”

La ‘grande’ però si arresta : “Uè Mamy sento puzza di fregatura … ma non è che poi mi perdo tutte le mie conquiste, come andare a dormire più tardi, uscire, stare tutto il giorno su Internet…. ???”

Primo piano della mamma millepiedimillebraccia che strizza un occhiolino complice alla telecamera 😉

Buone vacanze a tutte le mamme, i papà, i figli, gli zii, le zie, i nonni millepiedimillebraccia! Godetevi i vostri IMPEGNATIVI, ma MERAVIGLIOSI “pargoli”!

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento