Obesità e alimentazione nei bambini

Obesità e alimentazione nei bambini

pediatra-on-line-gina-lucciDott.ssa Gina Lucci, Specialista in Pediatria, Neonataologia e Patologia Neonatale, Anestesia e Rianimazione. Medico Esperto in Omeopatia, Omotossicologia e Discipline integrate. Perfezionata in Ecografia neonatale e in “Low Dose Medicine” in Pediatria.
Laureata in Medicina e Chirurgia a 25 anni con il massimo dei voti e la Lode, ha lavorato come Aiuto presso i reparti di Terapia Intensiva Neonatale della Clinica Mangiagalli e di altri presidi dell’area milanese, interessandosi principalmente di Cardiologia e di Nutrizione. Da alcuni anni si occupa di Medicina Complementare, che le consente di affrontare nel modo meno invasivo possibile le patologie dei suoi piccoli pazienti.

L’altro giorno mi è arrivato in Ambulatorio l’ennesimo bambino obeso. Uno degli aspetti più piacevoli del mio lavoro è la varietà di persone e di situazioni; al contrario, le visite dei bambini sovrappeso sono incredibilmente uguali le une alle altre, come se ricalcassero un copione prestabilito.
Anche questo bambino è venuto in studio per motivi che nulla avevano a che fare con il peso: un problema banale, risolto rapidamente con reciproca soddisfazione. Si trattava di un bambino di circa 9 anni, sveglio e simpatico, con un bel faccino e dei magnifici occhi verdi. Su mia sollecitazione la mamma, una signora magra ed elegante, ammetteva che sì, forse Matteo era “un filo rotondetto” e probabilmente aveva “due o tre” chili di troppo.

alimentazione-bambino

Messa mano a bilancia e percentili, i chili in eccesso sono risultati ben 15, con un aumento di 8 nell’ultimo anno. Le ginocchia presentavano già un iniziale assetto ad Y, con i piedi che tendevano ad appiattirsi per il carico eccessivo.
Stupore e costernazione, come sempre a questo punto, poi, puntuale, la richiesta di esami e visite endocrinologiche varie, nella speranza di attribuire ad improbabili “disfunzioni” la causa di una situazione che è sempre, immancabilmente, dovuta ad una alimentazione eccessiva e sbagliata e alla mancanza di movimento. “Dottoressa, mi creda, il bambino NON MANGIA NIENTE, non capisco dove abbia preso tutti questi chili!” Rapida indagine, e scopro che ai pasti principali il ragazzino mangia più o meno correttamente, ma la colazione è una bomba di biscotti frollini, crostatine prefabbricate e cereali ricoperti di cioccolata, e la merenda di metà mattina un gelato, generosamente fornito dalla scuola. Lo spuntino del pomeriggio comprende pane e Nutella nella migliore delle ipotesi; in alternativa, patatine fritte e wurstel, il tutto innaffiato da Coca-Cola o succhi di frutta strabordanti di zucchero. Nel “mio” copione la colpevole della merenda pomeridiana è quasi sempre la nonna, che spesso crede di dimostrare il suo amore al nipotino ingozzandolo oltre ogni dire.

Prendo ancora una volta atto della situazione, e non faccio niente. Ho imparato con l’esperienza che è perfettamente inutile cercare di intervenire se i protagonisti della vicenda non sono sensibilizzati, se non avvertono il problema e non manifestano la decisione di volerlo affrontare. Si parla sempre più dell’obesità come dell’epidemia del terzo millennio, del Killer silenzioso, ma i fatti e gli interventi concreti a livello della scuola e dei media sono prossimi allo zero.

complicanze-obesita

Un bambino obeso non è certamente bello, e probabilmente non è neanche un bambino felice. I coetanei sono feroci con le prese in giro tipiche dell’età, e i piccoli tendono ad essere anche isolati ed emarginati dai giochi e dalle attività di gruppo.
Queste righe vogliono essere un richiamo, un piccolo spunto di riflessione per quelle mamme che tendono a non voler vedere il reale problema pensando che in fondo il loro bimbo è solo “un po’ rotondetto” mentre invece la cattiva alimentazione nei bambini può diventare un grave problema in età adulta.

Dott.ssa Gina Lucci
Specialista in Pediatria

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento