Nati per leggere

Nati per leggere

nati-per-leggereNATI PER LEGGERE
UNA GUIDA PER GENITORI E FUTURI LETTORI
Euro 7,00.-
In libreria.

di Marina Petruzio

Poco dopo la nascita di mio figlio sono entrata a conoscenza del Progetto Nati per Leggere che sponsorizza la lettura ad alta voce da 6 mesi a 6 anni e forse perché per me i libri son compagni di vita, forse perché son cresciuta tra filastrocche, favole e storie narrate vi ho aderito, sono diventata lettore volontario seguendo un corso organizzato dall’associazione e di conseguenza promotore di lettura.

E per questo vorrei parlarvene.

Il primo importante ruolo del genitore è quello di essere un genitore nutriente per ben accrescere il proprio figlio/a.
Ma per questo il solo cibo non è sufficiente.
La lettura rientra a pieno titolo nelle cure primarie che un genitore dovrebbe dedicare ai figli.

Leggere è necessario.

E’ un nutrimento per la psiche e la mente, è un’attività che aiuta i bambini a pensare, legger loro ad alta voce li aiuta a trovare un tempo per riflettere ed ascoltare, dona un tempo condiviso che il bambino sente a lui interamente dedicato., che fortifica il rapporto adulto-bambino.

Leggere-libri-bambiniLa mamma, il papà, i nonni, chi si occupa di loro che si fa “poltrona” per accoglierli ed avvolgerli, la voce famigliare che legge!

Un incentivo questo della lettura a voce alta che dovrebbe arrivare direttamente come “cura” suggerita dal pediatra di famiglia in quanto l’attenzione al bambino sta assumendo sempre più connotazioni umanistiche ed il ruolo del pediatra dovrebbe essere sempre più focalizzato sul concetto di salute globale del bambino e non solo fisica.

Questo perché oggi si dovrebbe guardare alla salute non più solo come assenza di malattia ma come un insieme di azioni che promuovono la crescita di un individuo sano e libero di esprimersi nelle sue potenzialità.

E’ su queste basi che nel 1999, sulla falsa riga di progetti già presenti all’estero, l’Associazione Italiana Biblioteche AIB, l’Associazione Culturale Pediatri ACP ed il Centro per la Salute del Bambino – Onlus – CSB da vita al progetto “Nati per Leggere” che ha come primo scopo quello di promuovere la lettura ad alta voce nei bambini dai 6 mesi ai 6 anni.

Il progetto ha coinvolto negli anni un numero sempre maggiore di persone che a titolo professionale e/o volontario si trovano a condividerne gli obiettivi:

leggere-libro-bambinoLeggere ad alta voce ogni giorno ai bambini in età prescolare favorisce una buona relazione tra bambino e genitore con un tempo dedicato,come abbiamo detto prima,e non solo: nei bimbi molto piccoli sviluppa e favorisce la comprensione del linguaggio, la capacità di lettura autonoma e consolida l’abitudine a leggere nelle età successive.

E’ una preziosa coccola ed un’ irrinunciabile pausa sia per chi legge che per chi ascolta ed io spero di poterla continuare ancora per molto tempo, arricchendola sempre più ed adeguandola agli interessi delle diverse fasi della crescita di mio figlio ben oltre i 6 anni.

Per orientare i genitori verso libri che possano nutrire i lori figli in modo adeguato, ma anche le educatrici e gli educatori, i lettori volontari e gli stessi pediatri, Nati per Leggere ha redatto una guida che contiene 120 titoli divisi per età in 4 categorie e 10 tematiche che riguardano momenti ed aspetti fondamentali della vita del bambino.

La selezione è stata operata sulla produzione editoriale italiana degli anni che vanno dal 2008 al 2011 secondo criteri comuni che hanno permesso di analizzare le caratteristiche fisiche, la corrispondenza tra testo ed illustrazioni, l’adeguatezza del linguaggio in relazione all’età di destinazione.

I testi selezionati si possono trovare presso le biblioteche pubbliche e nelle librerie.
Perché non basta una storia ci vuole una bella storia, immagini e libri di qualità, per fare di un bambino un futuro lettore.

Nel 2011 il progetto è stato riconosciuto dal Centro per il libro e la lettura del Ministero per i Beni Culturali.

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento