Più ricche di un re

Più ricche di un re

piu-ricche-di-un-rePIU’ RICCHE DI UN RE

Di Cinzia Barbero
Editore: Lo Stampatello
Euro 9,50.- Settembre 2011
Età di lettura: per tutti

di Marina Petruzio

Quando ho letto per la prima volta “La Quaglia e il sasso” ho pensato che nulla si sarebbe potuto aggiungere parlando di diritto alla maternità, alla paternità, alla famiglia, al diritto ad essere desiderati ed amati solo per il fatto di essere dei bambini al di là di ogni pregiudizio.
A volte però a causa di quest’ultimo è necessario fermarsi e spiegare, parlarne: tutti i bambini hanno diritto ad una spiegazione, tutti i bambini hanno diritto alla verità, alla conoscenza.
Nell’ ambito delle letture per bambini , con questo albo, piccolo e cartonato proprio perché è per tutti, parliamo di famiglie omogenitoriali, di omoaffettività facendole uscire dall’ombra in cui gli albi per l’infanzia ( e non solo) le tengono.

Cinzia Barbero scrive questa filastrocca per spiegare alla figlia, piccola, perché ha due mamme :
“Emma è una bimba molto speciale, le piace ridere,correre, sognare”…proprio come a tutti…
“Le sue due mamme l’amano tanto…insieme noi tre, siam più felici e ricche di un re!”…proprio come tutte le famiglie.
“ che bel dono è la vita!” conclude Emma per la felicità di sentirsi amata e desiderata e per la semplicità e logicità della spiegazione che la mamma le fornisce risolvendole con amore un piccolo, ma per un bimbo importantissimo, dilemma:”…ma che dico agli amici?”

La casa editrice Lo Stampatello, tutta milanese, mette l’accento proprio sul diritto a questa felicità ed alla verità contro ogni forma di pregiudizio e ce lo dice in “stampatello maiuscolo” proprio per farcelo meglio intendere.
E’ una di quelle case editrici che a me piacciono tanto.
Piccola ed indipendente,tutta al femminile , che tra mille difficoltà cerca di pubblicare letture per bambini e albi socialmente utili e lo fa con semplicità di testo ed immagini, che in questo albo sono veramente fanciulle, e soprattutto col sorriso sulle labbra.

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento