Letture-bambini-molto-prima

Letture-bambini-molto-prima

MOLTO PRIMA DI TE
Di Rascal – Mandana Sadat

molto-prima-teMOLTO PRIMA DI TE
Di Rascal – Mandana Sadat
Editore: Cult collana Junesse
Euro 14,00.-
Età di lettura: per tutti

 

 

di Marina Petruzio

Il desiderio, l’attesa, le paure, la gioia della paternità sono poco narrate sebbene credo,oggi si possa dire,le stesse della maternità.

Di desiderio tutto al maschile si parla in questo tenerissimo albo illustrato dove la voce narrante è quella di un papà che accucciato ai piedi del letto del proprio bimbo (così mi piace immaginarlo) gli racconta quali erano i suoi pensieri “molto prima di te”, quanti bimbi aveva avuto nella sua testa a causa di quel desiderio così pungente, di quella carica di amore.
Omini di macchie, omini di pane, omini di caramelle e biscotti, omini di sassi colorati che il fiume ha fatto rotolare, un omino di sabbia che per mano ad una sirena il mare ha portato via.
Una donnina di fil di ferro alla quale offrire un fiore prima che la tempesta l’arrugginisse…
Il papà cresce il suo viso cambia, un’espressione triste, un’ombra glielo vela, il tempo passa e sempre qualcosa fa sfumare il suo sogno: il lavandaio, gli uccellini, un golosone, il fiume e poi anche il mare e la tempesta.
Poi, un giorno, lo stesso mare che ha inghiottito l’omino di sabbia, porta su una barchetta di carta a quadretti una mamma…è un giorno particolare in cielo brilla un caldo sole: “ho incontrato la tua mamma”.
Il papà non è più triste perché con la mamma ha fatto un omino d’amore “…e tu sei rimasto!”

Un testo breve, quasi una poesia, che si inserisce delicatamente nelle illustrazioni quasi a cercare con loro e col tono del fondo un equilibrio.
Una macchia turchese che segue il bambino-papà dalla copertina all’ultima pagina, un gatto o un oggetto amico col quale affrontare la realtà e da lasciare in eredità?

Tre libri, questi di Dicembre dedicati all’Avvento, dove basta un sorriso, il primo, indimenticabile all’incontro su questa terra e poi…
“Poi fu solo amore.” (da “la Quaglia e il Sasso”).

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento