Lo Shock Anafilattico e i nostri bambini

Lo Shock Anafilattico e i nostri bambini

Ogni volta che una sostanza estranea o dannosa viene a contatto con il nostro organismo il sistema immunitario reagisce neutralizzando ed eliminando l’agente estraneo potenzialmente dannoso.

Questa cosa avviene ogni giorno milioni di volte e il nostro sistema immunitario svolge una funzione importantissima nel proteggerci da virus, batteri o altri agenti infettanti.

A volte però, in alcuni individui predisposti, la reazione immunitaria può essere imponente e esagerata rispetto allo stimolo. In questi casi parliamo delle: “reazioni allergiche”. Stimoli innocui (ad esempio cibo, polline o detergenti) possono innescare delle reazioni allergiche con manifestazioni diverse, dall’orticaria ed eritema sino a disturbi respiratori (ad esempio il bronco spasmo)

Lo shock anafilattico è la massima forma di risposta allergica del nostro organismo, talmente imponente da essere potenzialmente letale.

E’ da tenere ben presente che qualunque sostanza può innescare uno shock anafilattico. Tuttavia vi sono alcune cose che più di altre, in soggetti predisposti, possono innescare uno shock anafilattico

Shock anafilattico insettoQueste sono:

  • La puntura insetti velenosi
  • I farmaci (in special modo gli antibiotici)
  • Le creme
  • I detergenti
  • Il cibo

Solitamente la puntura di insetti innesca lo Shock anafilattico nell’arco di pochi minuti mentre le reazioni allergiche di sostanze assunte per bocca (ad esempio il cibo) richiedono un tempo maggiore per raggiungere il culmine delle manifestazioni (intorno ai 20 min)

Ma quali sono i segni e sintomi di presentazione di uno Shock anafilattico?

  • Comparsa di respiro rumoroso e difficoltoso
  • Prurito diffuso e comparsa di macchi cutanee (eritema ed orticaria)
  • Alterazioni della voce (segno pericolosissimo perché indica il possibile edema della glottide )
  • Vomito, diarrea
  • Ipotensione e tachicardia

 

SHOCK ANAFILATTICO E ADRENALINA

Il trattamento dello Shock Anafilattico, da eseguirsi immediatamente, consiste nella somministrazione di Adrenalina intramuscolo.

I genitori dei bambini a rischio di Shock anafilattico devono tenere sempre con se una di queste fiale e non esitare ad utilizzarla. La somministrazione avviene automaticamente appoggiando l’iniettore (anche attraverso i vestiti) sulla coscia.
Risolta la fase acuta si devono assumere antistaminici, cortisonici e broncodilatatori in caso di broncospasmo.

Ancora una volta ci soffermiamo su due punti fondamentali:

  • Lo Shock Anafilattico si verifica tendenzialmente in persone predisposte cioè bambini o persone che hanno già avuto altre reazioni allergiche precedentemente, oppure che hanno familiarità con persone allergiche. E i bambini che hanno già avuto episodi di broncospasmo su base allergica sono quelli maggiormente a rischio.Il consiglio è quello di una valutazione specialistica allergologica. Sarà quindi lo specialista a dare indicazioni precise e a prescrivere eventualmente i farmaci da avere sempre con se.
  • Nel momento in cui si sospetta la comparsa di uno Shock Anafilattico contattare immediatamente il 118, il fattore tempo è fondamentale

 

Francesco Luzzana  francesco-luzzana

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento