Lada Fiori, uno schiaffo alla disoccupazione over 50!

Lada Fiori, uno schiaffo alla disoccupazione over 50!

Questa è una storia che appartiene in qualche modo a molte donne. Dopo i 40 anni tutto diventa più difficile, non parliamo poi di reinventarsi a 50 anni! Questa è una storia di successo che vogliamo raccontare...

Lada Damaschin, di origine Russa, in Italia da 20 anni, a 50 anni non era più soddisfatta del lavoro che faceva, ha iniziato cercando lavoro presso i fioristi della zona perché l’amore verso i fiori l'ha sempre accompagnata fin da piccola.

Purtroppo, la passione non basta, Lada ci prova ma vede parecchie porte chiuse in faccia nonostante possa vantare un ricco portfolio di composizioni che allestiva in modo indipendente per alcuni conoscenti, amici e parenti. Mancava un titolo riconosciuto, mancava insomma la parola 'fiorista' sul curriculum, Lada al momento possedeva solo quello di modellista sartoriale, ma non era abbastanza.

Lada sempre più frustrata decide tuttavia di non demordere, ha un obbiettivo in mente perciò decide di investire tempo e soldi su sé stessa, sulla sua formazione, cosi inizia studiare tutti i moduli per diventare una fiorista a tutti gli effetti.

Con carica ed entusiasmo frequenta tutti i moduli e corsi, applicandosi al massimo, sa che per diventare la migliore deve fare più degli altri.

Alla fine dei corsi, con il suo portfolio, il curriculum e un bel diploma in mano inizia la ricerca del ruolo tanto ambito.

Le posizioni aperte sono molte, tantissimi fioristi cercano il personale nei periodi estivi per allestimenti di eventi e matrimoni, ma anche qui la musica non cambia ma anzi prende il suono frustrante di porte che si chiudono, un’altra volta, tanti NO e per lo più senza nemmeno aver visionato portfolio e competenze.

Tutti chiedevano esperienza diretta nel campo, una frase fin troppo nota ai tanti che han cercato e cercano lavoro, quasi bisognasse nascerci con questa famosa esperienza visto che ben pochi han voglia di investire sul nuovo, sul talentuoso o talentuosa ma priva dei fondamenti.

Lada non si arrende, propone di lavorare GRATIS, giusto per avere due righe sul CV e dire: Si, ho avuto quella dannata esperienza.

Ma sembra che nemmeno questo riesca a scuotere le acque. 

Donna di 50 anni, madre di una figlia (fortunatamente adulta e autonoma) disoccupata e frustrata stava per gettare la spugna, questa estenuante lotta per realizzare il proprio sogno stava volgendo al termine, quando a sua figlia Natalie venne un'idea, decide di aprirle l’attività e creare l’esperienza diretta.

Natalie è un’esperta in Marketing, e ha impacchettato tutto il progetto. Tutto è partito dalla realizzazione del sito web, con shooting fotografici annessi. Natalie aveva già esperienza in questo campo, in quanto nel 2014 aveva avviato una startup di vendita di fiori recisi in scatole a forma di cuore che ha avuto un grande successo, tanto da essere pubblicata su Cosmopolitan Russia.  Con l’esperienza in questo campo e le sue skills digitali ha realizzato un piano strategico per la realizzazione e la promozione del progetto. Più del 50% dell’investimento è stato proprio la gestione e la pubblicità nel web che ha portato importanti risultati già dopo il primo anno.

Cosi nel 2018 è nata l’azienda Lada Fiori – Allestimenti Floreali Eventi e matrimoni. Avreste dovuto vedere Lada nella realizzazione del logo o nella scelta dei colori per l’immagine coordinata. Una vitalità ed entusiasmo che si percepiva persino a distanza

L’investimento era minimo in quanto l’attività è prevalentemente presente sul web. Attualmente Lada Fiori ha allestito già matrimoni ed Eventi in Sardegna, Como, Milano e Bergamo.

Lada oggi è un'altra persona, ha la vitalità di chi è consapevole di essere riuscita a raggiungere il proprio sogno, e questa consapevolezza si tramuta in composizioni fantastiche e nel sorriso di sposi e spose.

Noi organizzeremo prestissimo un corso di Flower Design con Lada... Stay tuned! La data ve la sveliamo nei prossimi giorni 🙂

Potete condividere su ...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Nessun commento ancora

Lascia un commento