Mamma & Lavoro incontra Francesca Amé , le mamme imprenditrici (Mompreneur)

Mamma & Lavoro incontra Francesca Amé , le mamme imprenditrici (Mompreneur)

Buongiorno a tutti sono Patrizia Eremita di Mamma & Lavoro, oggi siamo a Milano presso Namur , una grotta di sale oltre che uno spazio in grado di accogliere laboratori e corsi dedicati a mamme e bambini.
Questa è l’idea di una coppia di mamme, Elisabetta e Stefania, che dopo aver pensato per molto tempo a cosa fare insieme, come attività imprenditoriale, hanno aperto appunto questo bellissimo spazio a Milano.

Oggi parliamo di “ mamme imprenditrici”, le mompreneur , e per questo abbiamo chiesto delle informazioni in più alla nostra amica Francesca Amè, giornalista freelance che ci ha raccontato delle cose molto interessanti sentiamo …

M&L – Oggi mamma e lavoro incontra Francesca Amè, Francesca è una giornalista Free-lance, scrive molto di mamme e di donne che lavorano e oggi parliamo delle mamme mompreneur e ti chiediamo se puoi raccontare la tua esperienza di giornalista che spesso ha incontrato le mompreneur

Ciao Patrizia, mompreneur è un termine che nasce dall’America, sono le cosiddette mamme imprenditrici . Le mamme che si danno da fare perché pensano che fare le mamme da sole non basti, e che ci si possa mettere in proprio per creare un proprio spazio in azienda, sfruttando magari le proprie capacità del lavoro precedente oppure la loro creatività e fantasia.
Sono donne che vogliono sempre mettersi in gioco, trovare nuovi spazi, affermarsi, senza rinunciare al tempo per la famiglia. E’ stata una bella avventura incontrarle!

M&L -Le mamme mompreneur sono in costante crescita, cosa puoi dirci di questo fenomeno?

Vediamo ora quali sono i dati di questo fenomeno, allora, non abbiamo dei dati specifici sulle mompreneur però possiamo dire che il popolo delle partite iva in rosa sta crescendo enormemente in Italia, complice la crisi, per cui alcune donne sono state allontanate dal mercato del lavoro cosiddetto “ tradizionale ” del posto fisso. Molte donne hanno deciso di mettersi in proprio, abbiamo circa 1 milione di partite Iva in rosa in Italia, mi sembra molto significativo ed è giusto dare spazio e parlare anche di loro.

M&L -Francesca, quali sono secondo te i suggerimenti più importanti per le mamme che hanno una buona idea e che vogliono partire con un’attività in proprio ?

Allora, innanzitutto seguire la pancia! Seguire il proprio istinto e lasciarsi guidare da quelle che sono le proprie aspirazioni, anche i propri compiti anche le proprie capacità, sapersi ascoltare. Essere mompreneur vuol dire mettersi in gioco completamente, magari per un lavoro completamente diverso da quelle precedente.
L’importante è seguire l’istinto, la passione di metterci del proprio e, attenzione, lo dico chiaramente, non significa lavorare di meno, perché se è vero che si tratta di lavori che spesso nascono per conciliare la famiglia con la propria professionalità, bisogna investire molto del proprio tempo, soprattutto all’inizio,
Attenzione al business plan, ci vuole un business Plan serio, fatto bene, con professionisti perché è il primo passo per poi poter spiccare il volo.

M&L – Sono d’accordo Francesca perché poi spesso l’entusiasmo ci porta a non considerare delle cose fondamentali per cui si deve fare in modo di mettere in piedi un business Plan con un piano che poi stia in piedi, che ci permetta di crescere e vedere la nostra attività svilupparsi.

Certamente …. e quali sono le idee più originali che ti è capitato di sentire?

Ah… qui potrei scrivere veramente un libro, primo poi lo faremo,
Ho incontrato una mamma che ha aperto un negozio di lingerie per quando si è in gravidanza. Noi tutti pensiamo che quando una donna è in gravidanza deve perdere un po’ la propria femminilità, falsissimo! Si possono invece, come dire, valorizzare le proprie forme.
E’ un negozio che sta andando molto bene, e una cosa nuova in Italia nel settore dell’ abbigliamento, che uno di quelli più tradizionali. Ci sono mamme moderne a cui è piaciuto moltissimo.

Un’ altra attività è quella dello swap dei vestiti per bambini, che ha anche un intento etico, non sprecare, non buttare capi deliziosi che i nostri bambini usano per pochissimo tempo e che possono essere rivenduti, scambiati con altra mamma

La creatività alle mamme non manca ….. bisogna però ripeto avere una buona idea, puntare sull’originalità, ed essere come si è in ufficio, sempre professionali.

M&L -Grazie Francesca, grazie per queste informazioni molto utili, speriamo di incontrarci presto alla prossima con mamma&lavoro.

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento