mamme capofamiglia

mamme capofamiglia

mamme-lavoro-capofamigliaMamma e lavoro – Siamo diventate anche capo famiglia?

La società cambia e le mamme si adattano. Sarà la crisi, ma sempre più spesso le mamme oltre che occuparsi di famiglia e di figli, primeggiano in ambito lavorativo diventando la prima fonte di reddito in famiglia.

Questo fenomeno è sempre più evidente sopratutto nei paesi del Nord Europa e oltreoceano.
Secondo un rapporto del 2013 dal centro di ricerca Pew, nel 30 per cento delle famiglie americane con bambini , le donne sono oggi le capofamiglia e il loro lavoro è la prima fonte di reddito.
Per questo motivo è nato il termine “Breadwinning” che sta ad indicare chi porta il cibo in famiglia. Le mamme Breadwinning sono ormai una realtà.

Il Working Mother Research Institute (WMRI ), con il sostegno dello sponsor PwC , ha intervistato 2.000 mamme e papà in carriera, per valutare l’impatto che i loro guadagni hanno sulle famiglie e sul rapporto con il partner. Si è così scoperto che i punti di vista tra mamme e papà lavoratori sono spesso molto diversi, soprattutto a seconda del ruolo che essi svolgono nella loro finanze familiari.

mamma-capofamiglia-lavoroIl primo punto è la soddisfazione.

Le mamme lavoratrici e capofamiglia da un punto di vista economico, non sempre sono così soddisfatte di questo ruolo. Il 70% di esse dice di aver raggiunto questa posizione per caso o per necessità. Spesso si tratta di donne il cui partner ha perso il lavoro o ha raggiunto – in termini di carriera e retribuzione- una posizione inferiore.
Esistono però anche mamme che consapevolmente hanno scelto carriere più ambiziose dei loro mariti. Queste però sono una minoranza che raggiunge solo il 30%.

Per i papà e diverso, la soddisfazione è maggiore, spesso perché l’attività lavorativa e la carriera è stata preventivamente programmata.

mamma-lavoroDifferenze di ruolo

La grande differenza tra partner è però il concomitante ruolo in famiglia e nelle faccende domestiche.
Le mamme capofamiglia non trovano un adeguato supporto da parte dei mariti quando rientrano a casa. Dalle interviste svolte si è visto che c’è un enorme divario tra ciò che gli uomini pensano di fare e ciò che realmente fanno. Più della metà dei papà partner di mamme capofamiglia lavoratrici credono di dividere i compiti in famiglia, ma non è così.
Le mogli, in queste interviste, dichiarano che i mariti fanno solo un terzo di quello che effettivamente dovrebbero fare. Questi diversi punti di vista generano incomprensioni e tensioni che spesso peggiorano la qualità di vita delle mamme lavoratrici.

Responsabilità

Le mamme capofamiglia riferiscono di sentire una grande pressione e responsabilità nei confronti della famiglia e dei figli. La responsabilità e duplice, come mamme e come fonte primaria di reddito.
Un lavoro impegnativo non aiuta le donne negoziare il nuovo doppio ruolo di capofamiglia e mamma. “Devi improvvisamente diventare due volte la persona che eri “, dicono molte delle donne intervistate.
I papà casalinghi?

E i mariti?

I mariti, dal canto loro, nel momento in cui decidono di occuparsi attivamente della conduzione familiare si scontrano con molte difficoltà. Anzitutto sociali, in quanto il ruolo di “casalingo” è ancora molto lontano dalla nostra mentalità. Poi un papà che tiene i bambini genera ancora molta diffidenza e difficilmente gli saranno affidati i figli di altri genitori.

La logistica poi non aiiuta: spesso fasciatoi o strutture dedicate ai bambini sono inserite all’interno di zone tipicamente femminili, nelle quali gli uomini fanno fatica ad accedere.

Concludendo …

In conclusione possiamo dire che i ruoli stanno cambiando e che la figura della mamma capo famiglia è sempre più frequente, ma ancora con molte difficoltà per entrambi i partner.

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento