Finanziamento e conciliazione

Finanziamento e conciliazione

avatar-mamma-lavoroMamma&Lavoro con questa nuova rubrica intende seguire e approfondire il nuovo avviso di finanziamento per i progetti finalizzati alla realizzazione di azioni positive per la conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di cura della famiglia. Nei prossimi giorni spiegheremo meglio in cosa consiste questo bando e come poter aderire, con esempi pratici e semplici consigli.
M&L

stacks_image_3342È stato presentato oggi alla stampa il nuovo Avviso di finanziamento per i progetti finalizzati alla realizzazione di azioni positive per la conciliazione tra tempi di lavoro e tempi di cura della famiglia, ai sensi dell’ articolo 9 della legge 8 marzo 2000, n. 53.
Il sottosegretario Carlo Giovanardi ha aperto la conferenza stampa illustrando le novità della normativa e le prossime scadenze; sono poi intervenuti i rappresentanti di tre aziende che hanno testimoniato l’esperienza di accesso al finanziamento e le azioni positive messe in atto: Aeroporti di Puglia, De Agostini e Tetra Pak.
Nell’ambito del dossier dedicato all’avviso di finanziamento si comunica che da oggi è operativa la piattaforma informatica, valido strumento messo a disposizione per la presentazione, con procedura guidata e semplificata, delle domande di finanziamento on line.
Il bando consentirà a lavoratori con figli minori, disabili o anziani a carico, di conciliare meglio il tempo di lavoro con le responsabilità familiari. Dal 2007 al 2009 sono stati finanziati 421 progetti per un importo totale di circa 25 milioni, la grande maggioranza dei beneficiari (l’82,6%) sono donne. Le richieste di finanziamento possono essere presentate entro il 13 luglio utilizzando una procedura accessibile on line, collegandosi al sito www.politichefamiglia.it. Una seconda scadenza nel 2011 é prevista per il 28 ottobre.
Mamma&Lavoro nei prossimi giorni presenterà alcuni punti esemplificativi di questo Bando con esempi pratici, seguiteci!!

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento