Fare i conti (ricavi e costi di una impresa)

Fare i conti (ricavi e costi di una impresa)

L’aspetto economico finanziario è un punto di primaria importanza nella pianificazione di un progetto di impresa. Difatti non esiste una impresa senza conti!
Iniziamo a ragionare sui numeri con l’ausilio di alcuni semplici schemi.

costi-ricavi-impresaRICAVI

La stima realistica dei ricavi di una impresa è un passo fondamentale. I ricavi possono derivare dalle vendite o dai servizi offerti a seconda del tipo di impresa. Ovviamente a seconda della natura dell’impresa le previsioni andranno sviluppate su intervalli di tempo differenti. Facciamo alcuni esempi:

– Se si pensa di aprire un locale ( ad esempio un ristorante ) dovremo conteggiare 6 giorni lavorativi alla settimana, calcolare le festività e moltiplicare l’ipotetico guadagno giornaliero per tutti i giorni di apertura in modo di avere una previsione per ogni anno.

– Se si pensa di aprire un asilo nido, dovremo calcolare la resa annuale, ipotizzando numero / giorni / ore di permanenza dei bambini all’interno della struttura

– Per una società di servizi il calcolo è più difficile, si potrà fare l’opposto: per poter guadagnare x anno saranno necessarie x consulenze, è verosimile fare ciò?

I costi che una impresa deve sostenere devono essere accuratamente considerati altrimenti si rischia il fallimento dell’impresa. E’ ovviamente preferibile “stare larghi” piuttosto che sottostimare incautamente questo parametro.

Ecco alcuni esempi di costi fissi da tenere a mente

DESCRIZIONE
IMPORTO ANNUALE
Affitto

Elettricità

Riscaldamento

Telefono

Spese notarili

Spese commercialista

Pubblicità

Assicurazione

Ammortamenti

Spese auto, carburante

Remunerazione soci

Altre Spese

Nei costi fissi è presente la vce remunerazione soci nel caso in cui l’attività lo preveda. In caso sia presente è un parametro importante che incide sul bilancio , si tratta infatti di una uscita fissa che non può essere sospesa.

ricavi-impresaCOSTI VARIABILI

Sono i costi che cambiano a seconda del volume di affari, la produzione o la vendita.
Nel caso di un locale si tratta dei materiali per confezionare gli alimenti, nel caso dell’asilo saranno i pasti e i pannolini, per una società di servizi saranno le prestazioni professionali esterne e i materiali di consumo.

INVESTIMENTI

Sono tutti i beni da acquistare per l’esercizio di una attività, differiscono dai costi in quanto hanno un utilizzo ripetuto nel tempo, Per capirci, un automezzo è un investimento mentre l’assicurazione dello stesso, il carburante e i tagliandi sono dei costi.
Annualmente gli investimenti si trasformano in costo diventando “ammortamento”. Ad esempio l’autovettura del valore iniziale di 10.000 Euro, se viene utilizzata per 5 anni, ha generato un ammortamento annuo di 2.500 Euro.
Una alternativa ad un investimento iniziale così costoso può essere il Leasing, nel quale la spesa iniziale è sostituita da un canone mensile ( senza tuttavia avere la proprietà dell’oggetto)

Nella prossima puntata parleremo di come calcolare il breaking point, cioè capire quando la nostra azienda inizierà realmente a rendere economicamente

Breaking Point

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Nessun commento ancora

Lascia un commento