Conciliazione e talento

Conciliazione e talento

politiche-conciliazione-spezzolidi Francesca Amè

«Più concrete, più pratiche, più organizzate». Ecco come Adriana Spazzoli, direttore marketing e relazioni esterne del Gruppo Mapei, vede le donne in azienda. Forte di una carriera ottenuta senza sacrificare la famiglia e senza cedere a compromessi, racconta: «Ho due figli ormai grandi, uno di 39 e l’altra di 37, in procinto di diventare a sua volta madre: ho sempre lavorato ma quando sono nati i miei bambini mi sono dedicata a loro completamente fintanto che non sono andati all’asilo. Poi ho scelto il part-time per il periodo in cui erano ancora piccoli. Con una buona strategia di conciliazione la gravidanza e la maternità possono essere un momento importante anche nella professione femminile: sono tempi da sfruttare per studiare, per approfondire, per sviluppare curiosità e interessi. Io, ad esempio, ho impiegato il tempo a casa per fare cose nuove: sono diventata giornalista e sono tornata in azienda con competenze migliori di prima».
Adriana Spazzoli ci parla dal quartier generale di Mapei, che sta a Milano, in zona Maciachini, ma consapevole che l’azienda di cui dirige un importante settore è una delle realtà più floride e conosciute del Sudmilano (a Robbiano di Mediglia ha infatti il suo principale stabilimento).

Dottoressa Spazzoli, si continua a parlare di pari (e dispari) opportunità per le donne lavoratrici in Italia: qual è il suo punto di vista? Che cosa si può fare per incentivare l’occupazione femminile?
«Indubbiamente esiste una disparità tra donne lavoratrici e uomini lavoratori: si traduce in una disponibilità diversa sui tempi, in conseguenza dei diversi ruoli che ci siamo ritagliati nella società. Una giovane donna che voglia formare una famiglia ma anche una donna che debba assumersi il ruolo di figlia per gestire malattie o disabilità dei genitori hanno meno disponibilità a viaggiare, a fare esperienze di formazione all’estero per periodi lunghi. Con ovvie conseguenze della carriera. Mapei ad esempio lavora molto nella formazione con le tante sedi internazionali, non solo per i manager ma anche per i tecnici: abbiamo bravissime donne ingeneri che dopo la maternità hanno chiesto di fermarsi in Italia per evidenti e comprensibili esigenze familiari».

In una multinazionale come la vostra quale spazio è riservato alle donne?
«Da sempre attuiamo una politica delle assunzioni molto attenta alle nuove leve e devo dire che le giovani studentesse si distinguono per le loro capacità organizzative. È quasi connaturata ad ogni donna la capacità di saper affrontare più cose contemporaneamente. A livello mondiale, il 40% dei nostri dipendenti è donna anche se in alcuni settori, come nella produzione (ad esempio nello stabilimento di Mediglia, ndr) l’occupazione è tipicamente maschile».

Avete una politica di conciliazione e facilitazione degli orari?
«Le do un dato che dice già molto: il 13% delle nostre dipendenti ha un contratto part-time. Attualmente nell’ufficio Marketing che dirigo abbiamo sei diverse formule di part-time: questo richiede una cultura aziendale adeguata per la conciliazione e una grande capacità di adattamento e disponibilità da parte di tutti i collaboratori, compresi quelli full time. Il part-time anche dei sacrifici: oltre a quello economico sullo stipendio, la donna che lavora part-time sa che deve rendere nelle quattro ore che è in ufficio. Credo comunque che bisognerebbe mettere le aziende in condizioni migliori per incentivare il lavoro femminile».

di Francesca Amé
per “Il Cittadino di Lodi”

Potete condividere su ...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

2 Risposta

  1. Buongiorno vorrei intraprendere un lavoro da casa, qualsiasi, io non ho nessun tipo di qualifica ma ho un bimbo di 3 anni e con lui, passo tutto il giorno
    volevo da voi dei suggerimenti
    grazie mille

    • Admin

      Ciao Jessica, un chiarimento per te e per tutte le mamme che ci scrivono. Mamma & Lavoro non propone offerte di lavoro ma vuole aiutare tutte le mamme/donne che vogliono rientrare al lavoro dopo la maternità. Tentiamo di farlo con consigli e corsi di formazione ( ne faremo di molto interessanti a Gennaio)
      Rimanete in contatto con noi per queste novità
      Ciao
      M&L

Lascia un commento